MIELE BIOLOGICO

I prodotti dell'alveare

Con i nostri alveari raccogliamo anche polline e propoli biologici.

Al momento, siamo in grado di proporre i mieli biologici raccolti nel nostro territorio durante la stagione primaverile estiva. La nostra zona è soprattutto vocata per la produzione del miele di acacia: abbondante e puro in quanto nel periodo di fioritura della Robinia pseudoacacia i nostri terreni non presentano fioriture di altre essenze che potrebbero invogliare le api a raccogliere in contemporanea un nettare diverso da quello secreto dal fiore dell’acacia.

Subito dopo, si procede con il cambio dei melari (parte asportabile dall’arnia all’interno viene accumulato il miele destinato all’apicoltore) per produrre il miele biologico millefiori: delicato perché contiene le ultime gocce di nettare dell’acacia, gustoso e pieno di sentori in quanto espressione massima della ricchezza floreale del territorio in cui si stanziano gli alveari. Concludiamo la stagione, quando il clima collabora (purtroppo sempre più raramente), con la raccolta del miele di melata: un miele dal gusto deciso e pieno, il più ricco di principi nutritivi e anti ossidanti.

Miele biologico d'acacia

E’ il nostro miele numero 1. Il più prezioso, il più delicato. Primo miele dell’anno che la nostra zona ci dona. Dedichiamo la massima cura nel produrre questo miele apprezzato per il sapore delicato, leggero, dai sentori fini e dolcissimi. Preserviamo queste caratteristiche fin dall’alveare utilizzando dei melari (parte dell’arnia in cui viene accumulato dalle api il miele che verrà asportato dall’apicoltore) dedicati in maniera esclusiva al miele d’acacia: all’interno di questi melari non verrà mai stoccato dalle api altro miele; in questo modo la cera costituente le tipiche cellette a forma esagonale non si “impregneranno” dei sentori di altri mieli dal gusto più deciso che potrebbero essere trasferiti al miele d’acacia dell’anno successivo.

Inoltre, per questo miele viene usato uno speciale disciplinare di smielatura da noi elaborato che prevede il non utilizzo di pompe per la movimentazione del prodotto estratto, in modo da conservare al massimo gli esteri finissimi mantenendo tutta la delicatezza che contraddistingue questo miele così apprezzato.

Colore molto chiaro, è il miele più dolce e ricco in fruttosio. Il gusto è molto delicato, di vaniglia e confetto.

La consistenza liquida rende il miele di acacia perfetto come dolcificante solubile. L’assenza di sapori forti lo rende molto adatto per dolcificare macedonie di frutta, yogurt e bevande, soprattutto il caffè.

Ottimo per accompagnare formaggi erborinati e formaggi affinati.

Il miele d’acacia viene prodotto a partire dal nettare di una pianta esotica e definita infestante nel nostro territorio, ma generosissima, portata in Europa nel 1600 come pianta ornamentale dal Nord America: la Robinia pseudoacacia. Questa essenza, oltre a produrre un’ottima legna da ardere, si riproduce grazie ad un’infiorescenza dal colore bianco che si manifesta a fine di aprile inizi di maggio in tutta la sua esuberanza. Il flusso nettarifero è imponente; l’unico inconveniente è che è un’infiorescenza molto delicata e poco persistente: in pochi giorni i giochi si concludono.

Miele biologico millefiori “il Cremoso”

E’ il nostro miele numero 2. Secondo all’acacia come periodi di raccolta ma non meno pregiato. Il miele millefiori è la massima espressione del territorio perché in stretta relazione con la dinamicità che compone la flora del posto. Nel periodo dell’anno in cui le api producono il miele millefiori non c’è una vera e propria essenza nel territorio in grado di prevalere sulle altre per quanto riguarda il flusso nettarifero: per questo motivo le api raccolgono il nettare di diverse specie floreali mischiandole tra loro e producendo il così detto miele Millefiori.

Tutti i mieli hanno la tendenza a cristallizzare: tendono a passare dallo stato liquido allo stato solido naturalmente. Succede a tutti i mieli anche se con tempi diversi. Se questo passaggio avviene spontaneamente il risultato sarà qualcosa di casuale e quindi incontrollato. Ciò potrebbe portare il miele confezionato ad una cristallizzazione incompleta, con la formazione di filamenti di cristalli zuccherini non belli da vedere e da gustare.

Per ovviare a questo inconveniente sgradevole agli occhi del consumatore, molti mieli industriali vengono pastorizzati o ultrafiltrati. Con il nostro Millefiori noi proponiamo una soluzione diametralmente opposta a quella dell’industria e praticata tipicamente nei paesi del nord Europa: la cristallizzazione guidata. In pratica, andiamo a promuovere un processo naturale, che avviene in maniera disordinata, controllandolo e guidandolo in modo da ottenere una cristallizzazione che porta ad un prodotto omogeneo, piacevole al palato, dal gusto dolcemente esplosivo, comodo da utilizzare in cucina o al cucchiaio. Il processo è semplicissimo e privo di sostanze aggiunte: la consistenza cremosa si ottiene semplicemente mescolando la massa di miele ad una certa velocità (lentamente) ad una determinata temperatura (a freddo).

Otteniamo così una omogenea mousse comodissima da utilizzare (senza il tipico filamento che finisce sempre dove non deve) dalla piacevolissima consistenza al palato.

Da provare.

Consistenza cremosa, colore generalmente chiaro.

Il gusto è da scoprire ogni anno in quanto presenta delle piccole variazioni in base al concerto floreale non sempre uguale  in tutte le stagioni.

Al fine di mantenere inalterate le caratteristiche fisiche del prodotto è indispensabile conservarlo a temperature inferiori ai 20°C.

La sua cristallizzazione morbida lo rende perfetto da mangiare da solo, a cucchiaiate, proprio come gli assaggiatori di miele, oppure spalmato sul pane leggermente tostato. Come non ricordarsi pane burro e miele? (la merenda della nonna rivisitata).

Miele biologico di melata

E' il nostro prodotto numero 3. E’ l’ultimo miele raccolto nell’anno. Viene prodotto dalle api partendo dalla melata, sostanza zuccherina lasciata sulla vegetazione da altri insetti (afidi). Nasce così un miele elegante dolce ma dal gusto deciso.

Di colore molto scuro e poco dolce; il gusto è deciso, ricorda quello del dattero e del fico secco, leggermente maltato. Il più ricco in sali minerali e antiossidanti.

Ottimo da accompagnare ai formaggi, anche quelli più stagionati.

Con i nostri alveari raccogliamo anche polline e propoli biologici.

Al momento, siamo in grado di proporre i mieli biologici raccolti nel nostro territorio durante la stagione primaverile estiva. La nostra zona è soprattutto vocata per la produzione del miele di acacia: abbondante e puro in quanto nel periodo di fioritura della Robinia pseudoacacia i nostri terreni non presentano fioriture di altre essenze che potrebbero invogliare le api a raccogliere in contemporanea un nettare diverso da quello secreto dal fiore dell’acacia.

Subito dopo, si procede con il cambio dei melari (parte asportabile dall’arnia all’interno viene accumulato il miele destinato all’apicoltore) per produrre il miele biologico millefiori: delicato perché contiene le ultime gocce di nettare dell’acacia, gustoso e pieno di sentori in quanto espressione massima della ricchezza floreale del territorio in cui si stanziano gli alveari. Concludiamo la stagione, quando il clima   collabora (purtroppo sempre più raramente), con la raccolta del miele di melata: un miele dal gusto deciso e pieno, il più ricco di principi nutritivi e anti ossidanti.

Miele biologico d'acacia

E’ il nostro miele numero 1. Il più prezioso, il più delicato. Primo miele dell’anno che la nostra zona ci dona. Dedichiamo la massima cura nel produrre questo miele apprezzato per il sapore delicato, leggero, dai sentori fini e dolcissimi.

Preserviamo queste caratteristiche fin dall’alveare utilizzando dei melari (parte dell’arnia in cui viene accumulato dalle api il miele che verrà asportato dall’apicoltore) dedicati in maniera esclusiva al miele d’acacia: all’interno di questi melari non verrà mai stoccato dalle api altro miele; in questo modo la cera costituente le tipiche cellette a forma esagonale non si “impregneranno” dei sentori di altri mieli dal gusto più deciso che potrebbero essere trasferiti al miele d’acacia dell’anno successivo.

Inoltre, per questo miele viene usato uno speciale disciplinare di smielatura da noi elaborato che prevede il non utilizzo di pompe per la movimentazione del prodotto estratto, in modo da conservare al massimo gli esteri finissimi mantenendo tutta la delicatezza che contraddistingue questo miele così apprezzato.

Colore molto chiaro, è il miele più dolce e ricco in fruttosio. Il gusto è molto delicato, di vaniglia e confetto.

La consistenza liquida rende il miele di acacia perfetto come dolcificante solubile. L’assenza di sapori forti lo rende molto adatto per dolcificare macedonie di frutta, yogurt e bevande, soprattutto il caffè.

Ottimo per accompagnare formaggi erborinati e formaggi affinati.

Il miele d’acacia viene prodotto a partire dal nettare di una pianta esotica e definita infestante nel nostro territorio, ma generosissima, portata in Europa nel 1600 come pianta ornamentale dal Nord America: la Robinia pseudoacacia. Questa essenza, oltre a produrre un’ottima legna da ardere, si riproduce grazie ad un’infiorescenza dal colore bianco che si manifesta a fine di aprile inizi di maggio in tutta la sua esuberanza. Il flusso nettarifero è imponente; l’unico inconveniente è che è un’infiorescenza molto delicata e poco persistente: in pochi giorni i giochi si concludono.

Miele biologico millefiori “il Cremoso”

E’ il nostro miele numero 2. Secondo all’acacia come periodi di raccolta ma non meno pregiato. Il miele millefiori è la massima espressione del territorio perché in stretta relazione con la dinamicità che compone la flora del posto. Nel periodo dell’anno in cui le api producono il miele millefiori non c’è una vera e propria essenza nel territorio in grado di prevalere sulle altre per quanto riguarda il flusso nettarifero: per questo motivo le api raccolgono il nettare di diverse specie floreali mischiandole tra loro e producendo il così detto miele Millefiori.

Tutti i mieli hanno la tendenza a cristallizzare: tendono a passare dallo stato liquido allo stato solido naturalmente. Succede a tutti i mieli anche se con tempi diversi. Se questo passaggio avviene spontaneamente il risultato sarà qualcosa di casuale e quindi incontrollato. Ciò potrebbe portare il miele confezionato ad una cristallizzazione incompleta, con la formazione di filamenti di cristalli zuccherini non belli da vedere e da gustare.

Per ovviare a questo inconveniente sgradevole agli occhi del consumatore, molti mieli industriali vengono pastorizzati o ultrafiltrati. Con il nostro Millefiori noi proponiamo una soluzione diametralmente opposta a quella dell’industria e praticata tipicamente nei paesi del nord Europa: la cristallizzazione guidata. In pratica, andiamo a promuovere un processo naturale, che avviene in maniera disordinata, controllandolo e guidandolo in modo da ottenere una cristallizzazione che porta ad un prodotto omogeneo, piacevole al palato, dal gusto dolcemente esplosivo, comodo da utilizzare in cucina o al cucchiaio. Il processo è semplicissimo e privo di sostanze aggiunte: la consistenza cremosa si ottiene semplicemente mescolando la massa di miele ad una certa velocità (lentamente) ad una determinata temperatura (a freddo).

Otteniamo così una omogenea mousse comodissima da utilizzare (senza il tipico filamento che finisce sempre dove non deve) dalla piacevolissima consistenza al palato.

Da provare.

Consistenza cremosa, colore generalmente chiaro.

Il gusto è da scoprire ogni anno in quanto presenta delle piccole variazioni in base al concerto floreale non sempre uguale  in tutte le stagioni.

Al fine di mantenere inalterate le caratteristiche fisiche del prodotto è indispensabile conservarlo a temperature inferiori ai 20°C.

La sua cristallizzazione morbida lo rende perfetto da mangiare da solo, a cucchiaiate, proprio come gli assaggiatori di miele, oppure spalmato sul pane leggermente tostato. Come non ricordarsi pane burro e miele? (la merenda della nonna rivisitata).

Miele biologico di melata

E' il nostro prodotto numero 3. E’ l’ultimo miele raccolto nell’anno. Viene prodotto dalle api partendo dalla melata, sostanza zuccherina lasciata sulla vegetazione da altri insetti (afidi). Nasce così un miele elegante dolce ma dal gusto deciso.

Di colore molto scuro e poco dolce; il gusto è deciso, ricorda quello del dattero e del fico secco, leggermente maltato. Il più ricco in sali minerali e antiossidanti.

Ottimo da accompagnare ai formaggi, anche quelli più stagionati.